Rischio, una parola pericolosa

Rischio. Una parola pericolosa Ma che cosa rappresenta veramente il rischio? Si confonde e si sovrappone al pericolo come sembra sostenere, a volte, il senso comune? È sempre e solo un elemento accidentale da evitare, contenere, gestire e, casomai, trasferire ad altri, come sostiene la radicata tradizione razionalistica moderna? Quel che è certo è che, rischiando, è possibile ottenere vantaggi superiori a quelli che si potrebbero ottenere senza rischiare nulla. È questo un ribaltamento concettuale per il quale il rischio non è solo un fattore destabilizzante delle relazioni, ma assolve una qualche funzione sociale positiva per l’attore, sia esso individuale o collettivo. A partire da uno scavo attorno ai concetti di rischio e di pericolo e da una ricostruzione della parabola storico-sociale dell’idea del rischio a cavallo tra società della tradizione e società moderne, tra rappresentazioni sociali dell’eroe e dell’imprenditore, tra comunità e società e tra organicismo e individualismo, il volume cerca di dare una risposta a tutti questi interrogativi e gettare una luce diversa su una delle rappresentazioni più affascinanti della cultura. Troppo spesso guardato con sospetto e trattato come un elemento destabilizzante nello svolgersi lineare degli eventi, il rischio è, invece, un efficace indicatore di importanti dinamiche del mutamento sociale. A patto che venga osservato come una categoria neutra che la cultura informa di significati simbolici e di rappresentazioni sociali condivise.

di Lorenzo  Migliorati

Lorenzo Migliorati è ricercatore in Sociologia dei processi culturali presso l’Università di Verona. Si occupa di sociologia della memoria e di sociologia dei consumi. Tra le sue ultime pubblicazioni: La memoria difficile in Italia. Trauma culturale e pratiche commemorative della Resistenza, (con L. Mori, Milano, 2013), L’esperienza del ricordo. Dalle pratiche alla performance della memoria collettiva (Milano, 2010) e La forza sociale della memoria. Esperienze, culture, confini (Roma, 2010).

Rischio, una parola pericolosa

Caratteristiche Tipografiche

Pagine 200
Formato 14x21
Rilegatura Cucita
   

Edizione Italiana

Ultima Edizione Stampa  2006
Anno 2006
ISBN 88-89480-87-4